“Sesso” e “Genere”, cosa vogliono dire?

“Sesso” e “Genere”, cosa vogliono dire?

UNA GUIDA ILLUSTRATA ALLA CULTURA QUEER
#2 – “Sesso” e “Genere”, cosa vogliono dire?

“Genere” e “sesso” sono due termini che, spesso ed erroneamente, vengono utilizzati nel linguaggio comune come sinonimi.

Con il termine sesso si fa riferimento alle principali caratteristiche biologiche: genetiche, sessuali primarie (genitali) e secondarie (barba e seno, per esempio) e del cervello, con le quali vengono distinti maschio e femmina.

Il genere è la categoria sociale e culturale di maschile o femminile; queste categorie non sono “naturali”, ma sono costruite a partire delle differenze biologiche dei sessi (maschio/femmina), alle quali si accennava prima. Per la sua stessa natura di essere una dimensione sociale, il concetto di genere varia tra le culture; per esempio alcune, come quella occidentale, riconoscono generalmente l’esistenza di due soli generi (maschile e quello femminile), altre, come avviene in alcune zone dell’Asia mediorientale, ne riconoscono tre parlando di “terzo sesso”.

La dimensione biologica (il sesso) e la dimensione culturale (il genere) trovano un punto d’incontro nella dimensione psicologica, con la quale l’individuo costituisce la propria identità, intesa come consapevolezza di sé.
Vale a dire, la natura ci dota di determinati caratteri sessuali a partire dai quali la cultura di appartenenza ci attribuirà un genere, ma sarà l’individuo nella sua dimensione più intima e personale a riconoscersi come parte di uno o più generi, costituendo così la propria identità di genere.

 

Letizia De Coll

Illustrazione di A Queer Culture Illustrated Guide

 

A Queer Culture Illustrated Guide

 

Potrebbe interessarti anche

“Queer”, cosa vuol dire?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.