Per amarsi e farsi amare: fatti capire e conoscere

Per amarsi e farsi amare: fatti capire e conoscere

Ieri ho pranzato con un amico che conobbi ai tempi dell’Università, quando studiavo teologia, ma col quale ho perso i contatti 15 anni fa. Grazie alla magia di Facebook abbiamo scoperto di abitare a poche strade di distanza.
Sono cresciuto in Germania ma ho deciso di studiare teologia negli Stati Uniti, perché per molti americani la fede è molto più importante di quanto lo sia per la maggior parte dei tedeschi. In Germania la Bibbia è solitamente interpretata sotto una visione storico-critica, mentre negli Stati Uniti è interpretata in modo più letterale.

Sono cambiate molte cose da allora. Ho abbandonato l’Università nel 2001, perché mi sentivo pesantemente depresso e con tendenze rischiosamente suicide, soprattutto a causa del mio continuo conflitto interiore con la mia omosessualità. Non la riuscivo a superare e non riuscivo a parlarne con nessuno. Avevo paura di ammettere di aver fallito, di essere debole e di essere un peccatore. Avevo paura di perdere la fiducia e la simpatia degli altri. Ho cominciato lentamente ad aprirmi con qualcuno, sempre cercando di cambiare me stesso attraverso terapie e preghiere.

Non sono riuscito ad accettare la mia omosessualità fino al 2010, solo dopo essermi davvero interrogato sulla mia fede. Il punto principale che mi ha aiutato ad accettare il mio orientamento è stato vedere che le persone che lo facevano tendevano a vivere una vita più sana, e anche le società che lo permettono sembrano essere quelle in cui si vive meglio.

L’amico con cui ho pranzato ieri è legato ancora a vecchie credenze. Ha detto cose come: “Credo che il matrimonio sia tra un uomo e una donna”, e anche: “l’omosessualità è un peccato”. C’è ancora molto da fare per essere accettati da coloro che mantengono salde queste certezze. Cerco di mantenere amicizie anche con chi non ha il mio stesso pensiero, perché credo che il modo migliore per cambiare le cose sia attraverso una diretta relazione.
È facile ignorare gli interessi di chi non si conosce. Il mio obbiettivo non è quello di vincere ogni discussione. Il mio obbiettivo è quello di far vedere che sto vivendo una vita che mi piace e che sono una cosa positiva per la società. Il mio obbiettivo è quello di farmi conoscere meglio dai miei amici e di farli ragionare sul perché credano che sposarmi con un altro uomo sia una cosa così terribile.

Quando ho letto della persecuzione degli omosessuali in Cecenia, non sapevo come reagire. Ho cominciato a tremare e a piangere, mi sono sentito inutile e senza speranza. C’è ancora davvero tanto da fare su questo pianeta per questo pellegrinaggio verso i diritti umani paritari per chi prova attrazione per lo stesso sesso.
Credo che la cosa migliore sia cercare di farsi capire da una persona alla volta.

 

Gorm Kroeger
(traduzione di Barbara Burgio)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.