Verona, tra neofascisti ed estremisti cattolici